La materia prima su cui puntare per un trade contrarian

Lo zucchero è la merce più economica e più odiata al mondo in questo momento.

Quindi è il momento di comprare?

Per scoprirlo, diamo un’occhiata alla situazione attuale …

Pochi investitori lo hanno notato, ma i prezzi dello zucchero, dopo il picco del 2011, sono stati in caduta libera, scendendo di un incredibile -68%.

Buona parte di questa caduta è avvenuta negli ultimi anni. Infatti è stato un improvviso picco dell’autunno del 2016 a spingere i prezzi dello zucchero ai minimi decennali. Dai un’occhiata:

I prezzi attuali dello zucchero non sono stati così bassi dal 2008 e non sorprende che gli investitori se ne stiano alla larga, soprattutto dopo la “falsa partenza” del 2016.

Quanto questa commodity sia “odiata”, possiamo vederlo chiaramente osservando il grafico del Commitment of Traders (COT) …

Il COT riporta in dettaglio le scommesse dei trader sui futures legati allo zucchero e in genere è un ottimo indicatore “contrarian”.  Nel senso che quando i traders sui futures concordano tutti su un risultato, spesso accade il contrario.

Oggi, con i traders più ribassisti che mai, i prezzi dello zucchero potrebbero salire:

Il “sentiment” verso lo zucchero è ribassista in modo “epocale”. Da almeno 20 anni non si erano accumulate tante posizioni “short” su questa commodity.

Non abbiamo purtroppo dati storici che vanno ancora piu’ indietro nel tempo su questo indicatore, ma possiamo fare il confronto con un evento simile avvenuto nel 2015.

Anche allora il prezzo dello zucchero era crollato … E i valori di COT erano diminuiti drasticamente, raggiungendo quello che era un minimo storico (anche se il minimo di oggi è ancora piu’ profondo).

Pochi mesi dopo, lo zucchero ha toccato il “bottom”, come si dice; cioè ha raggiunto il punto estremo del suo trend ribassista per poi raddoppiare nel corso dell’anno successivo.

Ora che la storia sembra ripetersi, e con numeri ancora piu’ estremi, un trade long sullo zucchero potrebbe essere una buona occasione, ma con qualche cautela:

  • meglio aspettare che il trend inizi a dare seri segnali tecnici di inversione, prima di entrare long
  • nel caso di forte rialzo “verticale” (di cui bisogna sempre diffidare), meglio chiudere la posizione al raggiungimento di un + 50%.
  • nel caso di rialzo piu’ graduale, vendere metà posizione a + 50 e lasciare andare il resto del trade fino a +80%

Buon trading!

 

Spread the Word
Team Segnali di Borsa
 

>