Ecco il settore su cui tutti i grandi fondi stanno investendo

L’India è uno dei paesi a più rapida crescita al mondo. Il PIL è cresciuto in media del 7% all’anno dal 2012 (rispetto al 2,3% per gli Stati Uniti e al 6,6% per la Cina).

Di recente, i ricercatori del Centro per lo Sviluppo Internazionale dell’Università di Harvard hanno ipotizzato che l’India rimarrà l’economia in più rapida crescita nel prossimo decennio. Quindi c’è ancora molto margine di crescita per chi vuole investire in questo paese.

In una conferenza del maggio 2018 alla Columbia University, Mohnish Pabrai, fondatore del celebre Pabrai Investment Fund con sede a Irwine in California, ha detto:

Con questi tassi di crescita dell’India, è un gioco da ragazzi prevedere che molte piu’ persone vorranno un buon alloggio e che dovranno finanziarlo, non potendo semplicemente acquistarlo con i loro livelli di reddito … Ecco perché a mio avviso il settore della finanza abitativa crescerà di 3 o 4 volte oltre la crescita del PIL. Quindi, se l’India crescerà al 7%, le società di alloggi potrebbero crescere del 20-30%.

In altre parole, la crescita dell’India alimenterà un boom economico, soprattutto nel settore abitativo. Questo è ciò su cui sta lavorando Pabrai.

A giugno, Pabrai ha detto che il 40% del suo portafoglio è costituito da azioni indiane. Si tratta di una sovraesposizione enorme … e non è dovuta al fatto che Pabrai è di origine indiana….

Pabrai pero’ non è il solo a scommettere sull’India.

Anche il fondo Berkshire Hathaway di Buffett ha assunto recentemente una posizione del 3-4% in Paytm, una importante società finanziaria indiana.

Ma c’è ancora tempo per seguire questi grandi investitori in India.

Anche se non possiamo comprare azioni della borsa indiana … a meno di non avere accesso alla Borsa di Bombay o ai mercati privati ​​in India, il modo migliore per ottenere un’esposizione su questo mercato è attraverso un ETF.

Fra questi, il fondo con la maggiore esposizione sul settore finanziario indiano è l’iShares India 50 ETF (INDY), che detiene le 50 più grandi aziende, che costituiscono il 35% dei titoli del fondo.

In questo modo, si possono assumere posizioni nel mercato indiano che si avvicinano a quelle di Buffett e Pabrai.

E a proposito di ETF, di recente ho dato uno sguardo a tutti i fondi che in Segnali di Borsa avevamo usato per monitorare l’andamento delle nostre ipotesi sui trend migliori nei mercati mondiali.

Sono stato piacevolmente sorpreso nel vedere che nel lungo termine tutti i settori che avevamo considerato si sono rivelati un ottimo investimento:

Non perdere le nostre prossime analisi sui principali settori in crescita dei mercati. Iscriviti gratis per ricevere i nostri articoli comodamente via email.

 

Spread the Word
Team Segnali di Borsa
 

>